Benefici fiscali - Aziende

Una ricompensa per la tua generosità

Le tue donazioni a favore dell'Associazione CENTOPERUNO Onlus contribuiscono a dare un aiuto alimentare concreto alle nostre famiglie che hanno perso il lavoro e godono dei benefici fiscali previsti dalla legge.

L'Emporio Solidale è un progetto dell'Associazione CENTOPERUNO Onlus- Via Veterani dello Sport, 3 Parma C.F. 92159770343, iscritta al Registro Volontari Regione Emilia Romagna n.1879 del 01/06/2010

Per la corretta applicazione delle norme si consiglia di rivolgersi al proprio consulente o CAF.

Cessione gratuita di beni alimentari oggetto dell'attività, se NON COMMERCIALIZZABILI*

 

Cessioni che non costituiscono ricavi, non si applica l'IVA alla cessione e non si rettifica l'imposta pagata all'atto dell'acquisto (art.13 c 2 Dlgs. 460/97)

Cessione gratuita di beni diversi da quelli alimentari ma oggetto dell'attività, se NON COMMERCIALIZZABILI*

 

Cessioni che non costituiscono ricavi per un importo corrispondente al costo sostenuto per la produzione o acquisto, entro un valore non superiore al 5% del reddito dichiarato, non si applica l'IVA alla cessione e non si rettifica l'imposta pagata all'atto dell'acquisto (art.13 c 3 Dlgs.460/97).

Erogazione in denaro

 

Deduzione max di 30.000 euro o, se maggiore, al 2% del reddito dichiarato (art. 100 c 2 lett. I DPR 917/86)

Personale dipendente a tempo determinato per servizi resi

 

Deduzione dal reddito di impresa sino al 5x1000 per spese complessive per lavoro dipendente (art. 100 c 2 lett. I DPR 917/86)

 
*Per “beni non commercializzabili” si intendono beni con difetti di confezionamento o altro, anche oltre il termine minimo di conservazione, purche’ ancora integri e utilizzabili (L. 166/2016 “Legge Gadda”).

 

TUTELE:

Si ricorda che le Aziende sono tutelate dalla Legge n 155 approvata il 16/07/2003 - Disciplina della Distribuzione dei prodotti alimentari a fini di solidarietà sociale, detta Legge del Buon Samaritano:

Art. 1.  Le organizzazioni riconosciute come organizzazioni non lucrative di utilità sociale ai sensi dell'articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, e successive modificazioni, che effettuano, a fini di beneficenza, distribuzione gratuita agli indigenti di prodotti alimentari, sono equiparate, nei limiti del servizio prestato, ai consumatori finali, ai fini del corretto stato di conservazione, trasporto, deposito e utilizzo degli alimenti.


 

ADEMPIMENTI:

 

 OFFERTE IN NATURA:

➢       per merce di modico valore (che non superi i 15.000 €), e per beni alimentari facilmente deperibili e prossimi alla scadenza non e’ piu’ necessaria alcuna comunicazione all’Agenzia delle Entrate (L. 166/2016 “Legge Gadda”);
➢       in tutti gli altri casi, per la cessione di beni prodotti dall'impresa, è necessaria una comunicazione telematica (contenente data, ora, luogo di inizio trasporto, destinazione finale, ammontare complessivo calcolato sull’ultimo prezzo di vendita) da parte dell'azienda cedente all'Agenzia delle Entrate o al comando della G.d.F. di competenza, entro la fine del mese cui si riferiscono le cessioni gratuite in essa indicate;
➢       emissione del documento di trasporto D.D.T. completa di tutte le informazioni dei beni donati, con causale “cessione gratuita”;
➢       l’emissione della fattura non e’ obbligatoria, ma se emessa, deve riportare un importo zero e riportare la casuale “cessione gratuita esente IVA ai sensi dell’art. 6, comma 15, L. 133/99”;
➢       annotazione sui registri IVA entro il 15° giorno del mese successivo dei beni donati;
➢       conservazione della dichiarazione sostitutiva di atto notorio rilasciata dall' Emporio -Centoperuno attestante la natura, qualità e quantità dei beni ricevuti, in conformità al documento di trasporto, ed il proprio impegno ad utilizzare i beni ricevuti in conformità alle finalità istituzionali.
 
OFFERTE IN CONTATI:

Le donazioni in denaro possono fruire delle agevolazioni fiscali se avvengono mediante sistemi di pagamento tracciabili e documentabili ed occorre mantenere la documentazione secondo i termini ordinari di accertamento. Le donazioni in contante non rientrano in alcuna agevolazione.

 


Scarica il vademecum